fbpx

2018: emissioni di CO2 alle stelle, ecco i dati raccolti

2018: emissioni di CO2 alle stelle, ecco i dati raccolti

Il 2018 è stato un anno nero per le emissioni di CO2, ad avvertire sono il Guardian e il Global Carbon Project.

I dati raccolti

Le emissioni generate dall’uso dei combustibili fossili quest’anno sono cresciute del 2,7% raggiungendo i 37,1 miliardi di tonnellate. Da aggiungere sono anche i 5 miliardi di tonnellate di anidride carbonica che derivano dalla deforestazione e da altre attività scellerate, per un totale per l’anno in corso di 41,5 miliardi di tonnellate. Crescono le emissioni ma anche la concentrazione di CO2 nell’atmosfera con un livello del 45% superiore rispetto al periodo preindustriale.

I Paesi che inquinano maggiormente

La Cina è tristemente in cima alla classifica registrando da sola il 27% della CO2 mondiale. Seguono Usa (15% del totale) e L’Unione Europea con il 10% delle emissioni globali e una flessione dello 0,7%.

In Italia gli ultimi dati riferiti a novembre evidenziano come le emissioni medie ponderate di CO2 siano cresciute del 3,9% raggiungendo i 117,0 g/km.

Nella città di Roma sono aumentate del 3,4% raggiungendo i 113,8 g/km (+3,7 g per chilometro). Forte incremento a Palermo +5,4% (+5,9 g/km), Firenze +5,6% (+ 6,4 g/km), Milano +5,7% (+6,5 g/km) e Napoli dove la CO2 è aumentata addirittura del 7,7%, con un incremento di 8,4 grammi per chilometro.

Mediamente, abbiamo un aumento di CO2 urbana pari al 4,75% su base annua.

Soluzioni

Secondo uno studio del Global Carbon Project allineato agli scenari tracciati recentemente dall’IPCC e dall’Unep: bisogna de-carbonizzare molto velocemente l’economia mondiale, azzerando le emissioni nette di gas-serra entro il 2050, per rimanere in linea con l’obiettivo di contenere il surriscaldamento terrestre a 1,5-2 gradi a fine secolo, rispetto alle temperature medie registrate nell’età preindustriale.

L’auto elettrica nel complesso inquina meno di una vettura a benzina o diesel, anche se questo dato non deve farci sottostimare gli impatti negativi sull’ambiente dovuti ai processi produttivi, tra cui soprattutto l’estrazione di litio, cobalto, nickel e altre risorse indispensabili per fabbricare le batterie. Secondo uno studio dell’Europarlamento i valori variano a seconda di come viene prodotta l’energia.  Un’auto a batteria, assumendo una vita utile di 150.000 km, riduce moderatamente le emissioni di CO2, rispetto ai veicoli con motori a combustione interna.

E le ibride?

Una ricerca tedesca dell’Istituto Fraunhofer e dell’Istituto di tecnologia di Karlsruhe ha dimostrato che le auto ibride riducono i gas serra come quelle elettriche anzi, le emissioni di carbonio di un’auto ibrida diventano addirittura inferiori a quelle di un’elettrica, scrivono i ricercatori, “se si tiene conto che minori emissioni di CO2 sono rilasciate durante la produzione di un ibrido plug-in rispetto a un’auto elettrica, a causa delle minori dimensioni delle batterie”. Inoltre, le ibride “possono sviluppare la diffusione della mobilità elettrica, perché non hanno il problema della scarsa autonomia delle batterie”.

 

 

 

 

 

About Author

Related posts

La prima pista ciclabile solare italiana sarà in Sardegna

La prima pista ciclabile solare italiana sarà in Sardegna

La prima pista ciclabile solare d’Italia nascerà probabilmente a Villasimius, in Sardegna e sarà completamente alimentata dalla luce del sole.  Si tratta di un disegno innovativo che fa parte di una strategia di rilancio del turismo sostenibile: il progetto europeo Stratus (guarda il video al termine dell’articolo) , finanziato in parte con...

Read More
Le energie rinnovabili potrebbero far fiorire il deserto del Sahara

Le energie rinnovabili potrebbero far fiorire il deserto del Sahara

Uno studio dell’Università del Maryland, intitolato “Climate model shows large-scale wind and solar farms in the Sahara increase rain and vegetation” e pubblicato sulla rivista “Science”, mette in luce un’ipotesi sensazionale riguardante le energie rinnovabili e il deserto del Sahara. Secondo lo studio, coprire anche solo una parte dei 9...

Read More
Cerchi un Natale ecosostenibile? ecco i consigli di Ressolar

I consigli di Ressolar per un Natale ecosostenibile

È possibile trascorrere un Natale diverso, più green, all’insegna della sostenibilità ambientale? Ecco qualche consiglio per perseguire questo obiettivo! L’ALBERO DI NATALE? QUEST’ANNO È GREEN L’albero di Natale è una tradizione nelle case degli italiani e quest’anno sempre più città hanno deciso di renderlo ecosostenibile. Parliamo ad esempio dell’albero...

Read More