fbpx

#Fridaysforfuture: la lotta per salvare il Pianeta degli studenti italiani

L’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm), attraverso il suo segretario generale Petteri Taalas, ha fatto sapere al mondo che la situazione sul clima è arrivata a livelli allarmanti.

Nel suo “Rapporto sullo stato del clima globale nel 2018 ” l’Omm ha evidenziano che la temperatura media nel corso dell’anno appena trascorso è stata la quarta più alta di sempre, un dato che si inserisce in una tendenza di lungo corso: i 20 anni più caldi di sempre sono stati registrati negli ultimi 22 anni.

“Vale la pena di ribadire ancora una volta che siamo la prima generazione che comprende appieno il cambiamento climatico e l’ultima generazione che può fare qualcosa al riguardo”, ha detto Taalas e questo suo appello non è rimasto inascoltato.

Oggi ad esempio in tante città italiane si svolgono i #climatestrike, gli scioperi per il clima, ispirati da Greta Thunberg, la sedicenne di Stoccolma che qualche tempo fa, con un suo discorso sull’ambiente, ha zittito i Potenti del mondo.

LO SCIOPERO DEGLI STUDENTI 

Come Greta gli studenti di molte città italiane, si radunano oggi davanti ai luoghi simbolo delle istituzioni per scioperare contro il cambiamento climatico.  A Milano è previsto già dalle 12:00 un crescente e gruppo di persone davanti a Palazzo Marino. Ecco tutti gli appuntamenti previsti:

Roma – ore 14.45 davanti a Montecitorio
Pisa – ore 9.00 davanti al Municipio
Milano – ore 12,30 davanti Palazzo Marino
Brescia – ore 12,30 Piazza della Loggia
Bologna – ore 13, davanti Palazzo D’Accursio, Piazza Maggiore
Venezia – ore 13, Via Forte Marghera, 191
Torino – ore 15, Piazza castello
Genova – ore 17 in Piazza Deferrari
Taranto – alle 20.30 in piazza della Vittoria.

LA MARCIA GLOBALE DEL 15 MARZO 2019

La forte preoccupazione per il clima ha smosso le coscienze e gli italiani sono pronti a dare una mano all’ambiente.  Il prossimo passo sarà quello di partecipare alla Marcia Globale a favore del clima prevista per il prossimo 15 marzo 2019.

Gli studenti si stanno organizzando sui social, in particolare su whatsapp: “Ogni città ha il suo gruppo whatsapp per comunicare.” dice Ivan, uno degli organizzatori delle proteste. Così i vari ragazzi creano rete, così da essere il più possibile in strada il 15 Marzo. David, un giovane quattordicenne del Liceo scientifico di Torino, sta programmando un’applicazione, Discord, per far convergere tutte le chat dei vari canali.

Alla marcia hanno già aderito all’iniziativa ben 40 Paesi al mondo. Ma questo è solo l’inizio.

PICCOLI PASSI PER AIUTARE L’AMBIENTE

Tutti possono fare la propria parte a partire dal quotidiano.

Ecco 3 semplici azioni:

 

 

About Author

Related posts

McCharge

McCharge: McDonald’s passa all’elettrico!

Non è notizia nuova che McDonald’s sponsorizzi e promuova la vendita e la diffusione della mobilità sostenibile ma McCharge si presenta come una succulenta novità nel panorama elettrico. Non è tuttavia, la prima innovazione sull’elettrico. Da diversi anni, infatti, il grande fast food americano ricicla l’olio esausto delle sue cucine...

Read More
Wroom Academy

Wroom Academy: il coworking che non c’era

C’è una grossa novità in città, ed è Wroom Academy! Il posto che non c’era e di cui si sentiva la mancanza in tutto il bergamasco. Wroom Academy è uno spazio di coworking che fornisce corsi riguardanti le energie alternative e rinnovabili, con un focus sulla mobilità elettrica. L’idea...

Read More